News e comunicazioni

Venerdì, 29 Gennaio 2021

GC e Regione in un confronto sulla green energy

Gruppo Cura ha ospitato l’incontro con la Regione Emilia Romagna sui temi di Sviluppo Economico e Green Economy.

Al confronto hanno preso parte: Vincenzo Colla, Assessore regionale allo sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione, Manuela Rontini, Presidente Commissione Attività Produttive RER, Massimo Isola e Andrea Fabbri, sindaco e vicesindaco di Faenza, Tommaso Tarozzi, vice Presidente Confindustria Romagna, nonché la Direzione di Gruppo Cura ed Esco Solution.

L’Assessore Colla ha ritenuto GC un’eccellenza del Territorio, con esperienza consolidata in tema di aggregazione legata al mondo dell’energia e dell’innovazione. Il Gruppo CURA sta lavorando ad un progetto per coniugare la produzione e condivisione di energia elettrica da fonte rinnovabile con la produzione di idrogeno verde per l’alimentazione di un treno sulla tratta Ravenna-Faenza-Firenze. Ciò potrebbe avvenire tramite la costituzione di una o più Comunità Energetiche di Cittadini a Faenza. Il Gruppo Cura, in quanto operatore di mercato e per la sua natura consortile, è un aggregatore naturale, nonché promotore e referente di progetti di questo tipo.

La produzione di idrogeno rinnovabile usando energia eolica e solare è uno dei progetti prioritari europei. Una delle applicazioni dell’idrogeno rinnovabile nel nostro Territorio potrebbe essere il settore dei trasporti, come già avviene in Germania, Francia e Regno Unito. La ferrovia è importante, localizzabile e ripetitiva e permette di identificare un consumo di carburante certo e di lungo periodo. La linea ferroviaria Ravenna-Faenza-Firenze oggi alimentata a gasolio come il 40% delle principali linee ferroviarie europee (non alimentabile elettricamente), potrebbe essere uno dei primi progetti italiani in tal senso. La sostituzione di un solo treno a gasolio con alimentazione a idrogeno abbatterebbe circa 700T di CO2 annue, pari alle emissioni di 400 auto.

Il secondo grande tema discusso è stato l’efficienza energetica. Esco Solution, energy company del Gruppo, ha portato all’attenzione delle Istituzioni regionali alcune criticità del Fondo Energia lo strumento di finanziamento regionale per gli investimenti in efficienza energetica. In un confronto aperto si è evidenziata la complessità dell’iter burocratico e l’insufficienza dell’attuale limite di spesa. Entrambi temi cruciali per accompagnare le aziende verso un sistema energetico più efficiente.

Il confronto con le Istituzioni regionali continuerà anche nei prossimi mesi, così come l’impegno di Gruppo Cura nello studio e nell’implementazione di nuovi progetti innovativi in ambito energetico. In un Territorio da sempre vocato all’innovazione, investire sulla filiera energetica, favorire capacità di fare impresa, e creare competenze nuove, devono diventare e rimanere un vero e proprio mantra Istituzionale.

Questo articolo si trova nelle categorie:

Comunicazioni, Rassegna stampa-Eventi, Gennaio 2021, 2021